Terza lezione on-line

(*)

«Pronto, pronto! Mi sentite?»

Carissimi alunni e carissime alunne, anche oggi ce l’abbiamo fatta, sia pure con non poche difficoltà.

Alcuni di voi non sono riusciti a entrare, Ricky, Diego… Peccato.

Ci si sentiva a tratti, di condividere lo schermo non se ne parlava proprio. Eppure è stato bello ritrovarci e abbiamo bene o male fatto qualcosina, ci siamo salutati e vi ho sentito contenti, tanto che volete riprovarci domani (stessa ora 10.45).
Invierò comunicazione ai vostri Genitori.

Per chi vuole riprovare con l‘attività che abbiamo fatto insieme, clic sull’immagine. E scrivetemi pure in mail se avete dei dubbi e anche fino a quale problema siete riusciti a risolvere. Un abbraccio a chi c’era e a chi non c’era .

🚦 Un piccolo aiuto

Il lavoro, come sapete non è mio, ma di un centro educativo del Maine. Vi ho spiegato che il Maine è uno stato degli Stati Uniti d’America. A voi il compito di trovarlo in questa carta di Wikipedia.

(*) Immagine della Biblioteca de la Facultad de Derecho y Ciencias del Trabajo Universidad de Sevilla – 1004158Uploaded by clusternote, CC BY 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=26967094
(*) Di File:Map of USA with state names.svg: Wapcapletderivative work: Luigi Chiesa – File:Map of USA with state names.svg, GFDL, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=28566617

L’arco delle Alpi

Dalla Stazione Spaziale Internazionale:


A questo link potete vedere in diretta le immagini delle telecamere installate sulla Stazione Spaziale Internazionale.
Se lo schermo risulta nero, significa che la Stazione Spaziale si trova nel lato notturno della Terra.

🌃 Quando la Stazione Spaziale Internazionale è visibile dalla nostra città
Come osservare la Stazione Spaziale internazionale


🌌 The scale of the Universe

Un concorso per Paxi

Nello spazio esistono, oltre agli otto pianeti del Sistema Solare, moltissimi pianeti che orbitano intorno alle stelle che vediamo di notte. Sono i pianeti extrasolari, chiamati anche esopianeti.

Scoprire gli esopianeti è molto difficile. Sono talmente lontani che non possiamo vederli osservando semplicemente lo spazio con un normale telescopio. Se volete saperne di più, continuate a leggere qui.

Con la collaborazione dei vostri genitori, chi lo desidera può partecipare entro il 30 novembre 2019 al concorso: Esopianeti e inviare il proprio disegno direttamente dalla pagina: https://www.esa.int/kids/it/cose_da_fare/Gara_della_Galleria_dello_spazio/Corrente/Gara_Esopianeti