Enigma… spaziale della domenica

Dedicato in particolare a Mattia. Provateci tutti, però, carissimi bambini e carissime bambine della classe quinta!

Quanto vale ciascun elemento (astronave, pianeta, pianeta blu con anello, extraterrestre)?

Scrivetelo nei commenti, spiegando il vostro procedimento.enigma spaziale

• È un’attivita un po’ più complicata di Algebra Puzzle (vedi in fondo all’articolo) che avevamo fatto a scuola. Con pazienza, provando e riprovando, si può arrivare alla soluzione.

Aggiornamento (8 aprile) – Questo piccolo enigma ci ha permesso il nostro improvvisato incontro* del 7 aprile, ne abbiamo discusso un po’ come ci consentiva il mezzo che usavamo.

Chi ha trovato qualche altro procedimento per le soluzioni lo può scrivere nei commenti.

*[Grazie a tutti i Genitori, in particolare alla signora Valentina]

Square it

Carissimi bambini e carissime bambine, vi propongo un gioco in un sito che già conoscete https://nrich.maths.org/.
Il gioco si chiama Square it!
Si può giocare da soli contro il computer (provate, vi assicuro che è possibile vincere, beh, non proprio sempre) oppure in due giocatori.
Lo scopo del gioco è semplice. Occorre individuare e segnare a turno quattro punti che siano i vertici di un quadrato. Chi forma per primo un quadrato è il vincitore.

In alto ci sono le opzioni:
• i pulsanti arancioni aumentano o diminuiscono i punti della griglia
• c’è la scelta fra 1 giocatore (contro il computer) o 2 giocatori
• il pulsante rosso fa ricominciare il gioco
Usate il tasto ctrl più il – per zoomare all’indietro e vedere tutta la griglia di punti.

Vogliamo provare? Clic.

Il gioco, se siete in due, si può anche realizzare con carta e penna. Come questi che seguono. Consiglio di provarli.

Gioco con carta e penna: triangoli

Giochi con carta e penna: punti e linee

Il giorno del pi greco

Oggi è il giorno del pi greco, potete trovare altre informazioni e curiosità su questa data matematica in Splash Ragazzi.

Intanto vi propongo questa piccola semplice esperienza.

Prendete un foglio e tracciate una retta. Mettete un punto sulla retta e indicatelo con zero.

Ora procuratevi…

Continua nel nostro sito Splashscuola! (è inserito un breve video).

[Da un’idea del professor Javier Bernabeu]

Sesta lezione. Rombo e rettangoli equivalenti

Ve lo posso dire che siete stati proprio in gamba? Non uso la parola braviss…, lo avete notato?
Peccato per alcuni bambini che non riuscivano a entrare nella nostra stanza.

Per tutti, trovate qui il riepilogo di quanto abbiamo fatto insieme, solo voce e una immagine.

Provate anche voi che non eravate presenti a contare i centimetri quadrati dell’area del rombo? Come potete fare?

Nella stanza virtuale si sono trovati quattro modi differenti.

Abbiamo poi riparlato di rettangoli, ricordando la nostra attività sui rettangoli isoperimetrici e vi ho fatto questa richiesta.

Disegnate tutti i rettangoli di 12 cm2.

«Sono infiniti, maestra»
«D’accordo, disegnateli su carta centimetrata con base e altezza sulla quadrettatura, vertici sugli incroci»

Quali sono le dimensioni possibili?


Domani lezione alle ore 10.30!

Odd tic tac

Elisa è stata la prima a scegliere il gioco da proporre ai suoi compagni nel sito NRICH che vi avevo indicato qui. Grazie, Elisa!

Mi scrive: «Ho fatto i giochi che ci hai proposto e quello che mi è piaciuto di più si chiama”odd tic tac” è un gioco simile a tris ma cambia in alcune regole.
I due  giocatori giocano un turno a testa e devono posizionare sulla griglia 3×3 i numeri 0 e 1, lo scopo del gioco è completare una linea con un risultato dispari.»

Odd in inglese significa dispari  (even and odd, pari e dispari).

Che ne pensate del gioco? Riuscite a provarlo con qualcuno? Speriamo di giocarci presto a scuola. Insieme!

Terza lezione on-line

(*)

«Pronto, pronto! Mi sentite?»

Carissimi alunni e carissime alunne, anche oggi ce l’abbiamo fatta, sia pure con non poche difficoltà.

Alcuni di voi non sono riusciti a entrare, Ricky, Diego… Peccato.

Ci si sentiva a tratti, di condividere lo schermo non se ne parlava proprio. Eppure è stato bello ritrovarci e abbiamo bene o male fatto qualcosina, ci siamo salutati e vi ho sentito contenti, tanto che volete riprovarci domani (stessa ora 10.45).
Invierò comunicazione ai vostri Genitori.

Per chi vuole riprovare con l‘attività che abbiamo fatto insieme, clic sull’immagine. E scrivetemi pure in mail se avete dei dubbi e anche fino a quale problema siete riusciti a risolvere. Un abbraccio a chi c’era e a chi non c’era .

🚦 Un piccolo aiuto

Il lavoro, come sapete non è mio, ma di un centro educativo del Maine. Vi ho spiegato che il Maine è uno stato degli Stati Uniti d’America. A voi il compito di trovarlo in questa carta di Wikipedia.

(*) Immagine della Biblioteca de la Facultad de Derecho y Ciencias del Trabajo Universidad de Sevilla – 1004158Uploaded by clusternote, CC BY 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=26967094
(*) Di File:Map of USA with state names.svg: Wapcapletderivative work: Luigi Chiesa – File:Map of USA with state names.svg, GFDL, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=28566617