Tre dimensioni

Dopo avere parlato del piano cartesiano – con i suoi due assi perpendicolari (ascissa e ordinata: x, y) – con cui si individua qualsiasi punto sul piano, avevo fatto un cenno alla terza dimensione che si ottiene con l’aggiunta dell’asse z.
Avevamo anche provato a dare le coordinate per individuare un punto nello spazio.

L’ingegnosissima Marta ha costruito, durante il fine settimana, questa rappresentazione dello spazio tridimensionale, usando una scatola da scarpe!
tre dimensioni

Aggiornamento 2017 – Con le ultime versioni di GeoGebra è possibile lavorare in tridimensionale, a esempio qui on-line.

Inserisco inoltre il video di Simona Riva che illustra GeoGebra 3D:

4 thoughts on “Tre dimensioni

  1. un saluto alla mia amica Annarita.

    Volevo sapere se questa metodologia di studio e applicazioni rientrano nei “programmi didattici” o sono “alternativi” o e per meglio dire iniziative di ogni singolo docente al di fuori delle ore normali di studio ?.

  2. Benvenuto su questo piccolo blog, Grandaniele.

    Non ho ben compreso a quali metodologie di studio tu ti riferisca.

    Se ti riferisci alla rappresentazione dello spazio tridimensionale con… scatola da scarpe, questa è iniziativa spontanea, frutto della fantasia della mia alunna, che è partita da un breve cenno che avevo fatto a scuola circa il modo di individuare un punto sul piano e poi nello spazio.

    I programmi di matematica cui faccio riferimento nel mio insegnamento sono per lo più quelli del 1985, quelli successivi sono, a mio giudizio, con un impianto teorico e… pratico più fragile e affrettato.

    Su quello che prevede il futuro prossimo meglio tacere.

    Preferisco guardare i miei alunni, il loro entusiasmo e il loro desiderio di imparare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *