Ancora problemi

In meno di un’ora avete risolto, rapidamente in brutta copia, questi problemi, con protagonista la nostra nonna Senzanome e Senzacognome.

• La nonna ha preparato dei biscotti con 5 tipi di forme. Per ogni tipo ha preparato 6 biscotti. Quanti biscotti in tutto?
• La nonna ha preparato 30 biscotti molto buoni. Arrivano 4 nipotini e ognuno di loro mangia 3 biscotti. Quanti biscotti restano?
• La nonna ha preparato ben 100 biscotti. Le 10 nipotine mangiano
ciascuna 3 biscotti, i 6 nipotini mangiano invece 5 biscotti ciascuno.
Quanti biscotti restano?

 

Avete trovato diversi tipi di soluzione a modo vostro con operazioni aperte o operazioni lunghissime. Nelle immagini (clic) alcuni esempi.

Mi piace quando fate le cose a modo vostro e mi piace anche quando cercate di imparare dalle proposte e dalle discussioni con i compagni.

Vi ripropongo i problemi in versione GeoGebra con i dati numerici che si possono cambiare.

 Problemi della nonna 2

[Immagini da Philip Martin]

Come ricordare le parole

Spesso usiamo degli espedienti per ricordare parole nuove.
Quale parola ci ricorda questo rebus inglese-italiano (3, 5, 8)?

Avete trovato la parola del rebus? È .

L’etimo di una parola invece non è un trucco per ricordare la parola, ma il significato originale della parola. La scienza che studia l’etimo e la storia delle parole è l’etimologia.
L’etimo della parola del rebus, pigmento, è dal latino, pigmentum, derivato da pingĕre «tingere, dipingere». Anche questo ci aiuta a ricordare la parola, vero?

Perché abbiamo parlato del pigmento, una sostanza colorata che non si scioglie in acqua.

Sono sicura che lo sapete. Se non è così, lo ricorderemo domani, cari bambini.

Distribuire in parti uguali

Eccovi in piccoli gruppi alle prese con le prime attività sulla divisione come distribuzione in parti uguali.

Si è presentato il caso di 17 elementi da distribuire. Vi ho chiesto se fosse possibile avere una divisione senza resto.

Riccardo ha immediatamente detto che occorrono 17 bambini cui distribuire gli elementi e Anna ha subito aggiunto: oppure 1 bambino solo.

Bene, avete fatto la conoscenza con un numero primo!
Ne avete trovati altri: 2, 3, 5, 7, 11, 13, (17), 19, 23.
E l’1? I matematici preferiscono non considerarlo numero primo, ma un giorno o l’altro ne riparleremo.


Prime esperienze sulla divisione

Sulle moltiplicazioni

Per rivedere il concetto di moltiplicazione vi segnalo alcuni vecchi lavori in Splash Scuola.
Moltiplicazioni con gli schieramenti, «Quarantaquattro gatti»

 Moltiplicazioni con il prodotto cartesiano: numero di coppie punti di appoggio-animaletti

Moltiplicazioni con il diagramma sagittale e la tabella a due entrate (prodotto cartesiano): esercizi